x Storia
Stampa

ARES CALCIO 1977, LE ORIGINI

C'ERA UNA VOLTA...

I "mitici" anni Sessanta tengono a battesimo un nuovo borgo all'estrema periferia di Verona: Santa Croce. Lo spazio destinato ai futuri giardini pubblici è la prima palestra, campo da calcio e pista di atletica del rione. Se lo disputano decine di giovani.
Questi movimenti spontanei vengono ben presto organizzati e nasce l'US Santa Croce. Le prime maglie del Santa Croce sono molto simili alle casacche della nazionale brasiliana, con gli inconfondibili colori giallo-verdi.
Nella primavere del 1963 inizia l'attività ufficiale con partite "a sette" in piazza Zagata. Dopo circa un anno viene inaugurato un pioneristico campo da calcio, dove si trova attualmente la chiesa. Un terreno rubato all'agricoltura.

Nel 1968 iniziano i lavori per la costruzione della chiesa e i calciatori vengono sfrattati. L'attività calcistica si trasferisce sull'attuale rettangolo di gioco (approntato a tempo di record ma costruito a regola d'arte!). L'US Santa Croce ebbe una parabola veloce che la portò ad iscrivere squadre al campionato Juniores e Terza Categoria, con risultati apprezzabili.
Purtroppo la fine degli anni Sessanta coincide con l'inizio dei guai in casa US Santa Croce: contrasti tra dirigenza e parrocchia portano alla "chiusura" del campo e alla morte della società.

Ma nonostante tutto il campo di via Pergolesi viene invaso ogni giorno da decine di "butèi" vogliosi di calcio: si organizzano tornei, sfide, partite memorabili... Il calcio manca a Santa Croce!

1977, NASCE L'ARES CALCIO

I tempi per fondare una nuova società sono maturi e l'avvento dei Padri Salesiani ed altri importanti eventi fanno sì che nel 1977 venga fondata la nuova società sportiva: l'ARES CALCIO.
I primi vagiti dell'Ares sono quindi datati 1977 e, grazie alla buona volontà e perseveranza di alcuni giovani desiderosi di "fare calcio", raggiunse il suo massimo sviluppo nella seconda metà degli anni Ottanta.
Solo negli anni Novanta, con il nuovo riassetto societario, è stata migliorata l'organizzazione tecnica e amministrativa della società e soprattutto garantiti ai soci servici più efficenti.

OGGI

Oggi l'Ares Calcio è una consolidata realtà sportiva di circa 250 atleti e 35 fra dirigenti e allenatori, al servizio sia del proprio quartiere che della città e delle zone contigue.

Partecipa, con la prima squadra, al campionato di 2^ Categoria organizzato dalla F.I.G.C. - Comitato Regionale Veneto - Lega Nazionale Dilettanti e ai campionati minori e a carattere provinciale. E' riconosciuta dalla Federazione quale Scuola Calcio e dal Coni quale Centro di Avviamento aalo sport. Da alcuni anni annovera un Settore Giovanile ben organizzato e una Scuola Calcio d'alto livello, affidati e condotti da buoni tecnici ed istruttori qualificati, conseguendo grande consenso.

Il 25° coincide anche con i lavori di potenziamento dell'impianto sportivo che, grazie al contributo delle realtà economiche locali della Parrocchia di S.Croce, è stato possibile realizzare; coincide pure con una nuova ed impegnativa iniziativa quale l'istituzione permanente della Scuola Allenatori Calcio Ares (S.A.C.A.).

Per una società sportiva come l'Ares, impegnarsi con serietàprofessionale a svolgere un servizio non solo tecnico ma anche educativo e sociale è motivo di orgoglio. Ringraziamo pertanto tutti i collaboratori e quanti gravitano attorno alla società, nonchè i nostri giovani che vivono e vogliono vivere "l'esperienza Ares".
 
VAI ALLA FOTOGALLERY DELLE VECCHIE GLORIE
 
QUEL PALLONE ROTOLA ANCORA... DOPO TRENT'ANNI
….Decine di ragazzini a rincorrere un pallone su un campo in via Pergolesi…. Un mitico pallone di cuoio usato… un Valsport “preso in prestito” da uno studente calabrese al Perugia Calcio, successivamente regalato ad un ragazzo del quartiere che trascorreva le vacanze al Sud, assurge a sfera ufficiale del Rione, ...dopo aver giro-vagato tutta la Penisola molti i ricordi e gli aneddoti……”
(I Pionieri dell’Ares di M. Sandrini)

L’ARES CALCIO, ora ARES JUVENTINA POIANO, nasceva così trent’anni fa in Borgo Santa Croce.
Oggi quelle decine di ragazzini sono diventati più di 250…di tutte le età! Dalla SCUOLA CALCIO QUALIFICATA (nati 2000-2001-2002-2003) dai PULCINI (97-98-99) e ESORDIENTI (95-96)… ai GIOVANISSIMI (93-94) e ALLIEVI (91-92) …agli JUNIORES (90-89-88-87).. arrivando alle prime squadre in 2^ Categoria e 3^ Categoria della nostra con-sociata Pol. NEW ARES 04.
Di strada l’ARES CALCIO ne ha fatta tanta, è cresciuta, ma ha sempre tenuto ben presente la propria “missione”… «Educare attraverso lo Sport»…
Ecco quindi la scelta di dare la possibilità di giocare al calcio a tutti i ragazzi, allestendo ogni anno squadre per i Campionati Provinciali e squadre per i più impegnativi Campionati Regionali (Allievi, Giovanissimi, Juniores).
La dedizione e la passione dei tanti Dirigenti e Allenatori, che hanno accompagnato la Società anche a prestigiosi traguardi e riconoscimenti, si è unita ai tanti genitori che nel tempo hanno riposto fiducia nell’ARES riconoscendo nel “gioco del pallone” un momento di crescita importante per i ragazzi.

Dieci anni fa ci hanno raccontato i primi Vent’anni di storia… con le testimonianze dei giocatori e dirigenti del tempo…..e oggi si può felicemente riscoprire che molti sono ancora parte viva della Società.
Tante giovani promesse sono diventate belle realtà e si sono affermate in altre importanti Società, tanti “i migliori” sono rimasti a vivere la loro “avventura” all’ARES diventando abili giocatori nelle prime squadre o validi dirigenti e allenatori per le compagini giovanili.
È sicuramente bello raccogliere questa permanenza e testimonianza di affetto ai colori Nero/fucsia.

Stampa

FAMOSI FORSE NO... MA SEMPRE PRESENTI SI!

Mi chiamo Marco, e non ho più otto anni, ma qualcuno in più. A sette-anni-e-mezzo-tendenti-a-otto sognavo di essere famoso. A 21 posso dire di non esserlo ancora diventato. A 21 però posso dire che l’Ares ha sempre fatto parte della mia vita. Ho iniziato a giocare qui ai tempi del tridente da latte (Tazio, Lucio, Daniel) e sono ancora qui a 13 anni di distanza. Qualcuno è rimasto, qualcuno è arrivato un po’ dopo, molti hanno intrapreso altre strade. Tra quelli che sono rimasti e fanno ancora parte dell’Ares calcio (Ares Juventina Poiano oggi, ma questa è un’altra storia, forse fra qualche anno ve la racconterò), troviamo ancora i “canini” del tridente da latte, Tazio e Lucio, che fanno impazzire le difese degli avversari di Seconda Categoria e forse qualche ragazza.

C’è ancora Luca, il piccolo, grande portiere, dalle doti acrobatiche, che crescendo ha affinato l’arte dell’acrobazia ed oggi gioca in Terza Categoria difendendo la porta come gli Spartani difesero le Termopili.
Da segnalare tra quelli che sono arrivati un po’ dopo ma, veramente poco dopo, il bomber tascabile Luketta (Luca all’anagrafe, Luketta per la sua tascabilità) che per anni ha giocato con me su tutti i campi di Verona e provincia e oggi oltre a bucare le reti degli avversari di Terza categoria si diletta a disegnare formazioni al mio fianco sulla panchina degli Esordienti ed infine ci sono io, centrocampista e orgoglioso capitano della Terza categoria.
Sono rimasto qui, nonostante le numerose offerte di altre società, perché ormai l’Ares fa parte di me.
Oggi dò il mio contributo sul campo insieme a Luca e Luketta come punti di riferimento di una squadra giovane e non famosa ma che di certo farà parlare di sè.
Il mio contributo non finisce qui, infatti, come già detto, faccio del mio meglio per i “saranno famosi” del futuro, la mia squadra Esordienti che alleno ormai da 4 anni.
Tra i molti che hanno intrapreso altre vie merita una menzione Roberto che ha intrapreso la strada che lo porta tutte le domeniche a seguire i compagni di una volta da leader della tifoseria con striscioni, fumogeni e ironia, a dimostrazione che anche se non si gioca l’Ares è una “malattia” e anche se non ci ha reso famosi ci ha fatto crescere e trasmettere ai giovani che iniziano la loro avventura del calcio a sperare di “Essere famosi”…

Stampa

SARANNO FAMOSI 2

Ciao, ci chiamiamo Iacopo e Matteo e giochiamo negli esordienti dell’ Ares Juventina ‘95. Abbiamo 12 anni e la maggior parte di noi gioca assieme sin dai 5/6 anni.
Fin da piccoli abbiamo giocato per divertirci, ma abbiamo ottenuto anche dei buoni risultati: nel 2005 siamo arrivati quarti nel torneo di Goito e nel 2006 siamo riusciti, per la prima volta nella storia della nostra società, a vincere il “Sei bravo a…” della provincia di Verona e a classificarci al terzo posto alla finale regionale.
Siamo una squadra abbastanza forte e ben organizzata, questo, grazie al nostro impegno e alla società che ci ha dato la possibilità di vivere nuove esperienze come “il ritiro pre-campionato” che, già da due anni, facciamo in Val di Non.
Abbiamo buoni allenatori che speriamo ci accompagnino ancora per molto tempo.
Nella nostra squadra Alex e’il trequartista con i piedi buoni, poi ci sono i registi Marco, Andrea e Christian. C’e’ poi Andrea un buon portiere che chiamiamo Pegolo.
Ci siamo anche noi due: Matteo la punta e Jacopo centrocampista,as-sieme al resto del gruppo.
La maggior parte di noi sogna di diventare famoso come: Kaka’, Messi e Buffon.
Speriamo che un giorno questo desiderio si possa realizzare!, intanto siamo felici di essere amici e di praticare, serenamente, il gioco più bello del mondo.
- Tode e Iaki

Stampa

... IN QUESTI 10 ANNI

Sono tante le soddisfazioni sportive e organizzative raccolte dall’ARES CALCIO negli ultimi anni della sua storia e portate “in dote” nella nuova Società.

Ampliamento degli spogliatoi

Nell’estate del 1997 vengono eseguiti importanti lavori di ristrutturazione all’edificio degli spogliatoi. Vengono realizzati gli spogliatoi per il campo a sette, rendendo cosi più funzionale l’attività dei più piccoli ed un nuovo spogliatoio per il direttore di gara; importanti modifiche sono realizzate anche nei locali sottostanti creando cosi spazi adatti a quella che sarà la nuova sede della società.

Il campo di gioco

Nel corso di quest’ultimi anni vengono eseguiti importanti lavori di mantenimento del terreno di gioco del campo a 11 (….”croce e delizia” dei tanti calciatori!!!) e vengono costruite le nuove panchine coperte. La storia ci insegna che anche i terreni di gioco dei più blasonati stadi (San Siro a Milano, il Comunale a Torino, il Bentegodi a Verona) quando sono calpestati da due squadre subiscono “maltrattamenti” che ne rovinano il manto erboso….immaginate cosa è successo nel campo di Via Pergolesi dove a rincorrere la palla sono ora quattordici squadre!!!! Ma per i tanti giocatori dell’ARES e oggi anche NEW ARES 04 giocare nella “mitica busa” ha un fascino tutto particolare!!!!…

La Scuola Calcio Qualificata

Nel 1995 viene chiamato a Dirigere la Scuola di Calcio Rinaldo Bonomini, un tecnico di valore e importanza regionale. La partecipazione dei ragazzini triplica e la Società impegna molte risorse per lo sviluppo di questa attività. Nasce così il settore giovanile! Nel 1990 la Scuola Calcio Ares raggiunge la “maturità” e sotto la guida di Aprile Daniele e del Direttore Sportivo Cobianchi Renzo, inizia un percorso per il riconoscimento a Scuola Calcio Qualificata. Traguardo raggiunto dopo qualche anno con l’assegnazione di due ambiti premi:

  • “Migliore Scuola Calcio in Verona e seconda nel Veneto” per l’attuazione dei programmi e la gestione amministrativa di Società;
  • “Titolo di Scuola Calcio Specializzata” con riconoscimento di un importante “Premio Economico” della F.I.G.C. per il sostegno e lo sviluppo dell’attività del settore giovanile;
  • “Titolo di Scuola Calcio Qualificata” per il continuo sviluppo del progetto, per la qualificante collaborazione con l’Università di Scienze Motorie di Verona (lo staff tecnico della scuola calcio è sempre seguito da Istruttori laureati ISEF) e la preziosa assistenza del Centro Psicologico del Prof. Framba.

S.A.C.A. – Scuola Allenatori Calcio Ares

Un grande progetto seguito dalla Società e in prima persona dal Direttore Sportivo Cobianchi Renzo aperto a tutte le Società, utile per la formazione dei giovani allenatori. Sono stati organizzati negli ultimi cinque anni oltre 150 incontri con relatori importanti (tecnici, psicologi, personalità del mondo del calcio e non) che hanno contribuito a far crescere il bagaglio culturale e tecnico dei tanti partecipanti. Alcuni sono poi rimasti nella Società, come tecnici preparati, a svolgere il delicato compito di allenatori-educatori

Successi Sportivi

La più significativa vittoria che l’Ares Calcio può vantare è nel grande numero di ragazzi che partecipano alle attività calcistiche e dal grande numero di Genitori e Nonni che accompagnano la partecipazione dei giovani, e anche meno giovani, atleti sul campo di Via Pergolesi.
Non possiamo però non guardare con soddisfazione la bacheca dei successi sportivi conquistati nell’ultimo decennio prima come ARES CALCIO e poi come ARES JUVENTINA POIANO:

  • Sempre presente alle finali del Torneo della F.I.G.C. per i giovani calciatori “Sei Bravo a…” dove i colori “nero-fucsia” sono risultati vincenti nel 2006 con i giovani del 1995 (all. Cobianchi Marco – Dal Sacco Luca) con il compito di rappresentare Verona alle fasi finali Regionali.
  • Annata magica quella del campionato 2001/ 2002 per i Giovanissimi ’90 dei Mr. Bettoia M. e Barana che guadagnano le fasi finali provinciali e che grazie anche all’ottimo punteggio di Società (ottenuto dai risultati degli ’89 , della Scuola Calcio Specializzata e dalla Coppa Disciplina di Società) accedono al Campionato Regionale Giovanissimi. Fanno inoltre brillare i colori sociali vincendo il Torneo “Città di Goito”, il Torneo “AVIS Mondatori” e il Torneo “Biasi”.
  • Il Campionato 2002/2003 vede la grande prestazione della Squadra Juniores guidata da Mr. De Franceschi che vince il proprio girone e conquista l’ammissione al Campionato Regionale Juniores.
  • La stagione 2003/2004 dà finalmente e meritatamente lustro ai ragazzi del 1989 che dopo un avvincente campionato conquistano l’ammissione al Campionato Regionale Allievi, sicuramente il campionato più importante al quale tutte le Società di “rango” vogliono partecipare!
  • Al termine della Stagione 2004/2005 ancora una volta ARES CALCIO sugli allori! I ragazzi “nero-fucsia” dei ’92 di Mr. Bettoia R. trionfano allo Stadio Bentegodi nella conquista del Torneo “Città di Verona”
  • Brilla tra le coppe vinte anche il primo successo dell’ARES JUVENTINA POIANO, vincitrice dell’Edizione 2005/2006 del Trofeo “Mirko Mazzola” riservato alle Squadre di Seconda Categoria.

Nasce l’ARES JUVENTINA POIANO

E’ nell’estate del 2005 che le due realtà calcistiche dell’Ares Calcio e della Juventina Poiano si mettono attorno allo stesso tavolo con un progetto ambizioso, condiviso dai rispettivi Direttivi, dal quale partire comunemente: “Essere un’unica Società di riferimento per i giovani della Bassa Valpantena” presentando un numero di squadre adatto per dare soddisfazione a tutti i ragazzi che vogliono fare calcio, per i più e i meno dotati. L’Ares Calcio porterà la sua tradizione di settore giovanile (sono quasi 280 i ragazzi tesserati e sessanta tra dirigenti e collaboratori), la sua cultura per il calcio dei giovani e una Terza Categoria con la prima squadra appena retrocessa. La Juventina Poiano dal canto suo porterà un titolo di Seconda Categoria (anch’essi appena retrocessi), un impianto sportivo di tutto rispetto e un gruppo di Dirigenti e collaboratori appassionati e disponibili a sostenere le attività della nascente Società, nonché un blasone quali i 50 anni di fondazione. Al progetto prende parte anche la Pol. NEW ARES 04, consorella dell’Ares Calcio nel 2004, partecipando ai campionati Juniores, Terza Categoria e Calcio a Cinque. E’ sicuramente una nuova è bella realtà che presenta ai nastri di partenza buone squadre in tutte le categorie, dalle prime squadre in Seconda e Terza Categoria fino alla Scuola Calcio Qualificata passando per i Campionati Regionali per Allievi e Giovanissimi. La rinascita del calcio giovanile a Poiano e la presenza di molte squadre nell’impianto “Lorenzo Bellamoli” da slancio ai Dirigenti dell’Ares Juventina Poiano per dare il via alla costruzione di una nuova area sportiva e di ristoro nell’area confinante con Via Segorte. La passione e il lavoro dei collaboratori e dirigenti, ma soprattutto grazie all’infaticabile lavoro e presenza dell’amico Sandrini (per tutti “Nene”) e agli aiuti materiali ed economici dei tanti Sponsor vicini all’Ares da sempre, la “Casetta” diventa una bellissima realtà. Sarà luogo di incontro per gli atleti e per le loro famiglie, ma soprattutto un caldo posto di ristoro abilmente gestito da Rolando Ballarin (cuoco sopraffino!).
La Direzione tecnica della nuova Società viene affidata a Renzo Cobianchi per il settore giovanile e a Paolo Antolini per la Prima Squadra. Presidente la Società Vezio Pradella, già presidente dell’ Ares Calcio da sette anni, al quale subentrerà, al termine della prima stagione sportiva, Arbetti Silvano (vice presidente) ed ex presidente della Juventina Poiano. Compongono ancora il Direttivo Bertazzo d.Giulio (Parroco), Ballarin R., Gargiulo G., Dal Sacco S., Bonente M.
La Stagione Sportiva 2006/07 non è tra le più facili da gestire tra i dirigenti e di questo ne soffrirà tutta la Società. Le “vecchie” tradizioni e un po’ di “campanilismo” rendono difficile la gestione e lo sviluppo dei programmi. Al termine dei campionati e in concomitanza della conclusione della Festa dello Sport gli attriti tra dirigenti si fanno insanabili. Naufraga così il neonato progetto di sviluppo. A Poiano tornerà il calcio giocato con le casacche di una Società nuova di zecca, dove qualche “vecchio” Dirigente dell’Ares Juventina Poiano e alcuni Genitori troveranno dove proseguire la propria passione.
E’ questa la “pagina nera” dell’Ares Juventina poichè le parole hanno preso il sopravvento sul calcio giocato e gli atleti. Una ferita che il tempo e il vigore dei nuovi componenti il Direttivo, Zanoni G., Tosi A., Benetti R. e le capacità dei nuovi Direttori Sportivi: Calzolari Gianfranco (per il settore giovanile) e Cobianchi Valerio (per il settore dilettanti) rimarginerà, ma che ha segnato non poco il lavoro svolto fin qui da Dirigenti, Allenatori, Atleti e Genitori.
L’Ares Juventina si è comunque presentata puntuale alla partenza dei Campionati, con sì qualche squadra in meno (alcuni hanno rincorso le “sirene” di altre Società), ma con il rinnovato “vecchio” spirito del “calcio per tutti” che tanto ha dato ai giovani in questi “Trentanni” di ARES.

Il Futuro

I nuovi progetti vogliono partire proprio dalla “vecchia” ma consolidata tradizione ARES : più coinvolgimento e disponibilità, per far crescere ancora la Società al servizio dei giovani calciatori. Un anno di transizione il 2007/2008, atto a tracciare rinnovate linee guida e a raccogliere le adesione di nuovi collaboratori e Dirigenti. Sarà poi l’Assemblea in primavera ad eleggere il nuovo Consiglio Direttivo e ad approvare le linee per un nuovo cammino educativo e sportivo.

Dieci anni fa ci hanno raccontato i primi Vent’anni di storia… con le testimonianze dei giocatori e dirigenti del tempo…..e oggi si può felicemente riscoprire che molti sono ancora parte viva della Società.
Tante giovani promesse sono diventate belle realtà e si sono affermate in altre importanti Società, tanti “i migliori” sono rimasti a vivere la loro “avventura” all’ARES diventando abili giocatori nelle prime squadre o validi dirigenti e allenatori per le compagini giovanili.
È sicuramente bello raccogliere questa permanenza e testimonianza di affetto ai colori Nero/fucsia.

Utilizzando il sito arescalcio.it, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito arescalcio.it. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo e come eliminarli, vedi la nostra informativa su utilizzo dei cookies.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information